Salta al contenuto principale
Contenuto

Dottorato di Ricerca

Nanotecnologie

Durata: 3 anni
Sede: Trieste
Lingua: Inglese
Crediti: 20
Accesso: per concorso
Scadenza concorso: 13 giugno 2024 13:00 (ora italiana)

Sito del Corso

Sito del Dipartimento

Concorsi

In questa sezione troverai il bando di concorso a.a. 2024/2025 per l'ammissione al dottorato. 

Commissione giudicatrice

In questa sezione troverai la commissione giudicatrice del concorso.

Risultati prove e Graduatorie

In questa sezione troverai i risultati e le graduatorie del concorso.

  • Sviluppo di nuove tecniche per studio, manipolazione e visualizzazione su scala nanometrica di nanomateriali e materiali nanostrutturati.
  • Sviluppo di sensori basati sull'impiego delle nanotecnologie.
  • Studio delle relazioni tra struttura e proprietà dei materiali.
  • Sintesi e ingegnerizzazione di nanomateriali e materiali nanostrutturati.
  • Applicazioni di nanotecnologie, nanomateriali e materiali nanostrutturati nel settore della nanobiomedicina, farmacologia, energia, ingegneria dei materiali, e in generale in campi di rilevanza industriale
  • Approcci teorici e modellizzazione molecolare di nanomateriali e di fenomeni di interesse per le nanotecnologie.
Allegati

Il corso di dottorato in nanotecnologie fornisce una preparazione multidisciplinare e interdisciplinare alla ricerca nell’ambito delle nanotecnologie e delle nanoscienze ad una platea di studenti provenienti da corsi di Laurea di molteplici discipline scientifiche quali ad esempio Fisica, Chimica, Ingegneria, Biologia, Medicina. Il corso di dottorato ha istituito corsi, tenuti da docenti sia di ambito universitario sia provenienti da enti di ricerca presenti sul territorio che dalle imprese convenzionate, che intendono complementare la preparazione ricevuta nei corsi di Laurea disciplinari da cui provengono gli studenti. I corsi sono specialistici ma vengono tenuti dai docenti con un approccio tale da essere comprensibili agli studenti provenienti dai diversi corsi di laurea. Tutte le attività del corso sono svolte in lingua inglese. Ogni anno gli studenti in occasione dell’ammissione all’anno successivo, oltre a fornire una relazione sull’attività svolta, vengono valutati da commissioni specialistiche individuate dal Coordinatore e dal Collegio. Il Collegio e il Consiglio dei docenti sono composti da docenti provenienti da 5 diversi dipartimenti universitari nello spirito della multidisciplinarità del dottorato oltre che da ricercatori degli enti di ricerca e delle imprese. Così si assicura un forte radicamento del corso stesso nell’ambiente scientifico triestino che dispone di centri di ricerca e infrastrutture a livello internazionale (Sincrotrone Elettra, FEL Fermi, Istituto CNR-IOM, Area Science Park, CRO Aviano, ICTP) e si garantisce agli studenti la possibilità di accesso a strumentazione di ricerca e competenze scientifiche avanzate, un ambiente scientifico internazionale in cui far crescere le proprie competenze e un’attitudine alla ricerca scientifica e tecnologica che superi le barriere nazionali e che offre vantaggi per la carriera successiva. Inoltre al collegio partecipano due dipendenti delle imprese coinvolte che assicurano un collegamento efficace del corso anche alle tematiche di interesse industriale e possono facilitare l’inserimento degli studenti alla fine del ciclo in ambiti lavorativi legati alla ricerca e sviluppo di interesse per la catena produttiva. Il corso fa parte di un network internazionale di corsi di dottorato denominato PCAM composto da università europee prestigiose, che organizza scambi di studenti e docenti e scuole su argomenti scientifici di frontiera in scienza dei materiali e nanotecnologie. Il corso di dottorato organizza annualmente un workshop a cui partecipano tutti gli studenti e i membri del Collegio/Consiglio durante il quale gli studenti presentano relazioni scientifiche sulla loro attività di ricerca assieme. Gli studenti sono fortemente stimolati a presentare i risultati ottenuti in modo che siano comprensibili ad un uditorio non specialistico. Alla conclusione del workshop vengono assegnati dei premi agli studenti di cui uno dedicato alla capacità dimostrato di raccontare la scienza in modo semplice e uno alla multidisciplinarità. Al workshop sono invitati generalmente anche scienziati esterni all’Ateneo e alumni che presentano la loro storia professionale dopo il conseguimento del dottorato.

L’obiettivo principale del Corso di Dottorato è formare ricercatori e, in generale, figure professionali che sappiano progettare, costruire e caratterizzare nanomateriali e materiali nanostrutturati (MNS), e strumenti e dispositivi per applicazioni nell’ambito delle nanotecnologie. Grazie anche al carattere fortemente inter- e multi-disciplinare della formazione offerta, gli studenti alla conclusione del corso saranno in grado di rispondere sia alle crescenti esigenze applicative per rendere la produzione industriale più efficace, economica e sostenibile, che alle necessità di innovazione e di progresso della società. Il Corso è rivolto a laureati in diverse discipline che intendano acquisire una preparazione di alto livello frequentando corsi e seminari in aree anche diverse da quelle di estrazione e dedicandosi alla ricerca nell'ambito delle collaborazioni con Enti di ricerca e Industrie (inter)nazionali. L’implementazione di specifici percorsi di formazione e di ricerca è discussa nel Collegio/Consiglio del Corso, a cui partecipano rappresentanti degli enti di ricerca di riferimento e di imprese con interesse nel settore delle nanotecnologie. Nell’arco del XL ciclo si intende costituire un nuovo organo consultivo composto anche da rappresentanti degli studenti, degli alumni, di istituzioni di ricerca di rilevanza internazionale e esperti esterni provenienti da aziende che svolgono attività nell’ambito delle nanotecnologie. Tale organo costituirà un’ulteriore occasione formale per allineare i percorsi formativi e di ricerca e gli obiettivi del Corso alla costante evoluzione della nanoscienza e delle sue applicazioni in ambito tecnologico e industriale e adeguare il profilo degli studenti in uscita alle necessità delle imprese e degli enti di ricerca. Inoltre si intende istituire un gruppo dedicato all’assicurazione della qualità del dottorato che tra l’altro avrà il compito di verificare il raggiungimento degli obiettivi del corso e eventualmente proporre al Collegio/Consiglio un loro aggiornamento. Un’ ipotesi di composizione del gruppo prevede la partecipazione di rappresentanti degli studenti e membri del collegio anche appartenenti agli enti di ricerca e delle imprese.
Gli obiettivi generali delle ricerche sono: 1) Sintesi e ingegnerizzazione di nanomateriali e MNS; 2) Sviluppo di nuove tecniche per studio, manipolazione e visualizzazione su scala nanometrica di nanomateriali e MNS; 3) Studio delle relazioni tra struttura e proprietà dei materiali; 4) Approcci teorici e modellizzazione molecolare di nanomateriali e di fenomeni di interesse per le nanotecnologie; 5) Sviluppo di sensori per la rilevazione di biomolecole o composti presenti in bassissima concentrazione; 6) Applicazioni di nanotecnologie, nanomateriali e MNS per ricerche nel settore dell'energia; 7) Applicazione delle nanotecnologie, nanomateriali e MNS nei settori medico, farmacologico, biomedico.  

I possibili sbocchi occupazionali di un dottore di ricerca in Nanotecnologie continuano ad aumentare negli anni, soprattutto in Italia, perché la richiesta del mercato di figure con questo tipo di formazione multidisciplinare cresce in parallelo con l’implementazione delle nanotecnologie nell’industria italiana e nella ricerca italiana e internazionale. I settori sono i più variegati vista la pervasività delle nanotecnologie: alimentare, energia, elettronica, manifatturiero, medico, biologico, fisica, chimica, beni culturali. Il corso di Dottorato in Nanotecnologie dell’Università di Trieste, caratterizzato da una multidisciplinarietà molto spiccata, forma delle figure professionali adatte a ricoprire ruoli di ricercatore/responsabili di ricerca e sviluppo/responsabili di laboratori o di progetti in strutture pubbliche e private laddove siano richieste competenze per gestire autonomamente progetti di ricerca che comportino l'interazione di specialisti di varie discipline.
Il dottore di ricerca in Nanotecnologie può inoltre ricoprire incarichi di responsabilità organizzativo-manageriale nei settori industriali e dei servizi legati alle tecnologie avanzate e all’innovazione. La forte collaborazione con Istituti ed Enti di ricerca del territorio sia italiano che transfrontaliero e con imprese offre inoltre ai nuovi dottori di ricerca numerose possibilità di collocamento.


Responsabili del corso

Alberto Morgante - Coordinatore

Telefono: 040 5582781 - 040 3756475 - 040 3758286
E-mail: amorgante@units.it

Dipartimento di Fisica
Via Valerio 2 - 34127, Trieste


Paola Posocco - Vice Coordinatore

Telefono: 040 5583448
E-mail: paola.posocco@dia.units.it

Dipartimento di Fisica
Via Valerio 10 - 34127, Trieste

Allegati
Ultimo aggiornamento